Siamo su “Io Donna”

Dalle stalle alle stelle
«Dei ricordi infantili si era salvato ben poco: il noccioleto ridotto in cenere per mano di ottusi cacciatori di conigli, il fragoleto perduto per incuria, i pioppeti tagliati da mano sconosciuta. Restavano soltanto le palme del giardino, i noci e le mura della masseria settecentesca. Da lì ho ricominciato». Nietta Bruno, già proprietaria della vicina maison d’hôtes La Casa del Poeta, racconta come si è riappropriata della fabbrica agricola in contrada Bannata (dall’arabo-siculo “baciata dal sole”), a 3 km da Piazza Armerina. Una classica masseria autarchica siciliana dove si produceva vino, olio, frumento, che Nietta ha ereditato dalle zie e trasformato in un agriturismo di cinque camere, ricavate nella conigliera e nel pollaio. Negli interni semplici, di campagna, ha voluto che «restasse la memoria della sicilianità». Con un valore aggiunto: la sala cinematografica da 100 posti ricavata dall’accorpamento di magazzini e stalle dove, aiutata dall’amica Luisa Morandini, Nietta ha organizzato rassegne che contemplassero proiezioni anche nel baglio, il cortile esterno. Di giorno, in questa stagione, si va a osservare la raccolta dello zafferano. O quella delle olive nell’eccezionale uliveto (400 diverse varietà) di Villa Zagaria, a Pergusa.

Leggi Articolo su Io Donna Corriere della Sera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *